Stampa

Dopo giornata piovosa di ieri, il cielo carico d'acqua sembra dare una tregua...il sole, in alcuni momenti, addirittura, prova a fare capolino dalle nuvole grigie...
Gli amici coraggiosi della classe dei cerbiatti non si fanno intimidire nè dal tempo incerto, nè dal fango: con giacche da pioggia e stivali sono pronti per l'avventura di oggi!
Ci incontriamo all'ingresso del Parco dietro al centro sportivo di Bresso. 

 Qui, in cerchio, dopo i saluti, ripassiamo quello che avevamo fatto la volta scorsa: "avevamo conosciuto il Seveso, lo avevamo seguito grazie ad una mappa speciale "  "sì, sulla mappa c'erano segnati anche dei tesori da cercare...tipo un grande albero rotto o il cerchio di mattoni o gli orti" " e poi eravamo arrivati in un posto speciale dove il Seveso, che di solito non è molto pulito, viene curato. Un posto dove i rifiuti che ci sono nel fiume vengono raccolti e buttati".
Esatto! Eravamo arrivati fino allo sgrigliatore che, come un enorme rastrello cattura tutti i rifiuti!
Ma, vi avevo anche lasciato dei compiti...
La maestra tira fuori da un sacchetto un quaderno che racchiude le vostre teorie di dove finisce il Seveso...

br romacerbiatti1bis

...c'è chi dice che una maga lo fa sparire sotto terra e che lo fa rispuntare al mare...

br romacerbiatti2bis

...c'è chi dice che il fiume scorre sotto la strada, sotto le auto, attraverso un tubo...

br romacerbiatti3bis

...c'è chi dice che il fiume scorre in un tubo sotto la strada e che ad un certo punto risale...sempre grazie ad un tubo...

br romacerbiatti4bis

Chissà quale sarà la verita...Oggi, vedremo di scoprirlo insieme, percorrendo le sue sponde fino al punto in cui scompare! Ma, aspetatte! Avete anche l'uovo! Lo avete decorato con delle perline colorate! "Ognuno di noi metteva una perlina di un colore diverso....del colore che più ci piaceva..."mi spiegate...Bravi!

br romacerbiatti5bis

Ma dentro avete messo i vostri progetti per il Parco? La maestra ammette di essersene dimenticata...Non fa nulla! Vediamo: cosa fareste per rendere più bello il Parco Nord? Ma per renderlo più bello per chi ci vive, quindi per le piante e per gli animali. "Potremmo costruire delle casette di legno e paglia per far riparare gli animali in inverno" "Potremmo costruire degli scivoli e delle altalene con i tronchi e le corde per far divertire gli animali" "Potremmo chiedere alle persone di regalarci il cibo che a loro non piace o che butterebbero per darlo agli animali" "Potremmo scavare una piccola piscina!"
Sono tutte idee fantastiche! Oggi le riferirò al capo degli operai! Chissà se riuscirà a realizzarne una! Grazie per le idee!
"Ma...ma...dietro di noi c'è un albero con una faccia! Sta ascoltando anche lui! Vuole sapere anche lui dove finisce il fiume Seveso!" esclama uno di voi all'improvviso.

br romacerbiatti6bis

Dopo aver salutato l'albero con la faccia e avendogli promesso che al nostro ritorno avremmo svelato lui il segreto del Seveso, ci incamminiamo seguendo il nostro corso d'acqua. Ma, oggi, visto che oramai siete esperti di questa zona e conoscete il Seveso come le vostre tasche, il Parco mi ha chiesto di controllare se per caso, ci sono già in giro delle anatre...Non solo! Anche di contarle! Quindi, pronti?
Prima ancora di attraversare la strada ne vediamo due: sono due germani reali. "Ma sono di due colori diversi!" Certo, quello con la testa verde è un maschio, la femmina è tutta marrone. "Ma come mai sono diversi?" chiede uno di voi. La femmina deve avere dei colori simili al posto in cui costruisce il suo nido: deve avere le penne colore delle canne di palude, quindi marrone. Questo per potersi nascondere meglio e non far vedere a nessuno dove ha il nido e dove sono i piccoli.
Il maschio, bhe, lui, invece, deve essere il più colorato possibile per attirarare l'attenzione della femmina e conquistarla!

br romacerbiatti7bis

Riprendiamo la marcia e nel punto in cui l'altra volta avevamo visto molti rifiuti (vicino al campo di calcio), non vediamo anatre nel Seveso, ma il segno del passaggio di qualcosa d'altro ..."E' passato Spiderman!" esclama uno di voi.

br romacerbiatti8bis

In questo punto il Seveso è super luccicante: il sole lo fa brillare e le alghe che crescono al suo interno sembrano dei tesori sommesi... Ci fermiamo ad osservarli dal ponte, quando dei pappagalli verde acceso vengono a salutarci! 

br romacerbiatti9bis

Proseguiamo la nostra camminata, ma di anatre nemmeno l'ombra: solo piccioni, cornacchie che rubano i semi dagli orti e...qualche merlo, intento a corteggiare una sua possibile fidanzata!

br romacerbiatti10bis

Superiamo gli orti e, seguendo il Seveso, arriviamo in un luogo speciale, quasi magico....dove, aguzzando la vista, vediamo in lontanaza uno strano uccello grigio dal collo lungo che sta in piedi nel fiume e aspetta. E' l'airone! E' qui per cacciare pesci e rane e...anche piccoli di anatre! Shhh...non disturbiamolo!

br romacerbiatti11bis

Cammina e cammina e, superato lo sgrigliatore, il sentiero si fa stretto stretto e passa vicino al bosco: non sembra nemmeno di stare a Milano!
Ed ecco, vicino ad un tubo di scarico...due germani reali maschi!

br romacerbiatti12bis

Proseguiamo e ne vediamo altri 3! Sempre tutti maschi! Ma come mai secondo voi? "Le femmine saranno a casa" "I maschi sono qui per cacciare" "Le femmine sono incinta" "Le femmine sono malate" "Le femmine hanno litigato con i loro fidanzati"...Bhe, dovete sapere che durante le settimane scorse i maschi e e le femmine erano insieme e i primi cercavano di conquistarle in tutti i modi. Bhe, si vede che le hanno conquistate perchè hanno deciso che potevano diventare le loro fidanzate e che potevano fare dei piccoli insieme. Infatti, le femmine non si vedono perchè sono tutte indaffarate a costruire il nido per i futuri piccoli!

br romacerbiatti14bis

Continuiamo la nostra camminata e vicino al ponte del Gigante, vediamo altri 3 germani reali maschi e...delle anatre strane: sono nere con il becco rosso...Sono gallinelle d'acqua! Quante sono? 4! Nelle gallinelle d'acqua i maschi e le femmine sono uguali, quindi è difficile riconoscerli da lontano...
Finalmente arriviamo al punto in cui il Seveso sparisce!

br romacerbiatti17bis

Vedete? Prima c'è e poi dopo quel ponte no! Il Seveso è stato messo in tubi sottoterra dall'uomo. Questo perchè la città di Milano doveva espandersi e quindi l'uomo aveva bisogno sempre di più spazio per costruire le case. Allora, visto che il Seveso dava fastidio è stato messo in tubi sotterranei che lo portano fino alla Martesana. Purtroppo però, a volte , la sua acqua cresce tantissimo con le piogge e il tubo in cui scorre si riempie, si riempie...il fiume si sente sempre più stretto...Fino a quando non riesce più a stare nel tubo e cerca di uscire, allagando le strade e la metropolitana!
Innanzitutto ci facciamo un applauso perchè siamo riusciti ad arrivare fino a qui! Bravi!
Ora, riprendiamo la strada appena percorsa: direzione orti!
Giunti, ci fermiamo vicino agli orti, sul ponte, vicino a dove l'altra volta abbiamo fatto una foto sul cerchio di mattoni. 
Ora, il nostro compito, sarà quello di vedere quanta gente passa su questo ponte per entrare nel parco.
Aspettiamo e vediamo passare:
- 3 anziani che vanno verso l'orto,
- 2 anziani in bicicletta che escono dal parco,
- un ragazzo con due cani,
- due signore che corrono.
Cavolo! In soli 10 minuti così tante persone! Il Parco Nord è veramente vissuto!
Purtroppo è giunto il momento di salutarci! Mi raccomando raccontate tutto all'albero con la faccia!
Alla prossima e buon appetito!

 

 

 

 

contentmap_plugin

Visite: 327