Stampa

acqua aria terra

In questa giornata "quasi" invernale, il sole timidamente si nasconde dietro grandi nuvole...l'aria è fredda, tanto da rendere colorite le nostre guance! Finita la pausa pranzo, sentiamo un allegro vociare in lontananza...chi sarà? Sono i bambini della 3C! Sono venuti a trovarci in Cascina per iniziare insieme una nuova attività!

Ci ordianiamo in fila per due e ci incamminiamo verso l'Area Didattica. Questa zona del Parco, situata alle spalle della Cascina, è riservata alla tutela naturalistica. Come possiamo intuire dal nome, questo è un luogo dedicato alla didattica, dove le classi in visita al Parco possono recarsi per scoprire tantissimi segreti sulla Natura, sul Parco e sulla sua particolare storia.

Lungo il percorso che conduce a questa particolare area protetta, osserviamo in lontananza un Airone Cenerino...è talmente immobile che sembra una statua! Alcuni di voi, infatti, ritengono sia addirittura finto!

cb Lincoln3C1b

Questo particolare uccello assume tale posizione quando è in procinto di cacciare. L'Airone è un uccello acquatico, per questo è facile osservarlo vicino ai laghetti, o, come in questo caso, lungo i canali del Parco, dove aspetta pazientemente di potersi nutrire di anfibi, piccoli pesci e perchè no, anche di qualche topolino.

Apriamo i cancelli dell'Area Didattica, entriamo cercando di fare più silenzio possibile, facciamo un bel cerchio e ci ri-presentiamo! Esatto, ci ripresentiamo perchè, in realtà, siete già venuti qui al Parco due anni fa ed in quella occasione, come ben ricordate, avevate percorso uno speciale sentiero nel bosco...tutto a piedi nudi! Questa volta, però, fa troppo freddo e le scarpe non le toglieremo...che peccato!

Quindi, facciamo un ripasso dei nomi...noi siamo Alessandra e Irene, voi?

Cosa faremo oggi? Oggi faremo un'attività sugli elementi naturali...ma...quali sono questi elementi? " Acqua, aria, terra e fuoco", ci rispondete. Esatto! Oggi però ci concentreremo solo su tre di questi elementi: ACQUA, ARIA e TERRA. Questi garantiscono la VITA sul nostro pianeta. Essi permettono di vivere non solo all'uomo, ma anche a tutti gli altri animali, le piante e qualsiasi organismo vivente sul pianeta.

A questo punto vi dividiamo in tre gruppi: quello dell'aria, quello della terra e quello dell'acqua. Ogni gruppo, su di un grande foglio, dovrà creare una mappa di parole attorno all'elemento assegnatoli...quindi ogni bambino scriverà qualsiasi cosa gli venga in mente pensando alla parola chiave.

Tutto chiaro? Via!

Ragionando, ragionando....il foglio inizia a riempirsi di parole interessanti...

Ecco qui il vostro risultato finale:

Ottimo lavoro! Avete scritto tantissime parole! Da queste capiamo che i tre elementi sono estremamente connessi tra di loro e la loro interazione ha poteri straordinari perchè dona la vita!

Capiamo insieme che è possibile misurare la temperatura di tutti questi ambienti, per questo motivo vi chiediamo di ipotizzare quale potrebbe essere la temperatura di questi elementi qui, oggi. 

Ecco qua le vostre ipotesi:

- Aria: 5°C;

- Acqua: 3°C;

- Terra: 7/8 °C.

Più avanti scopriremo insieme se le vostre ipotesi sono più o meno corrette...

Ora torniamo a noi...il gruppo della terra ha scritto una parola significativa: SEMI. I semi sono molto importanti perchè, al loro interno, racchiudono una nuova pianta...una nuova vita!

E a proposito di semi, continuiamo con la nostra attività...divisi sempre in tre gruppi, vi chiediamo di raccogliere da terra tutti i semi che trovate, oppure frutti che li contengano.

Tutti pronti? Inizia la ricerca!

Trovate nocciole, ghiande, frutti del melograno...

...bacche di biancospino, semi di fusaggine...

Ed ecco qua il risultato di tutto quello che è stato raccolto:

Ottimo lavoro! Tutto ciò che avete raccolto, lo porterete a scuola e per la prossima volta dovrete eseguire alcuni compiti:

- osservare e analizzare tutto il raccolto, come se foste dei piccoli scienziati;

- comprendere la modalità di dispersione di ogni seme. Per farlo potrete, per esempio, effettuare degli esperimenti sulla caduta (per capire se il seme può essere spostato attraverso il vento) oppure dei test di galleggiamento (per capire se il seme può essere difffuso tramite l'acqua).

Ogni seme, una volta maturato, viene rilasciato dalla pianta madre. Per assicurare la diffusione della nuova pianta su ampi spazi e per impedire che le nuove piantine entrino in competizione con la pianta madre per la luce e sostanze nutritive, i piccoli semi vengono diffusi, spostati in ambiente, tramite un processo che viene chiamato DISSEMINAZIONE. Esistono diverse strategie di disseminazione adottate dalle piante, le principali sono: acqua, animali e vento. Quest'ultima strategia viene, ad esempio, utilizzata da una particolare pianta acquatica che troviamo qui al Parco: la TIFA...

In primavera la Tifa produce tantissimi semi dotati di piccoli "piumini" che permettono loro di volare ed essere trasportati lontani dal vento. Ma...come mai una pianta acquatica, come la tifa, produce dei semi che vengono dispersi tramite il vento e non tramite l'acqua? A questa domanda non dovete rispondere subito, ci pensate, e ce lo fate sapere la prossima volta.

Una volta che il seme viene disperso in ambiente, cosa succede? Il seme viene accolto dalla terra, dove aspetta pazientemente di trovare le condizioni favorevoli per germinare e crescere forte e sano!
Dal momento che parliamo di terra, proviamo a scoprire quali altri tesori vengono custoditi nel suolo. Per questo motivo, entriamo nel bosco, dove ogni bambino raccoglie un legnetto, con cui inizia a scavare...

Scavando, scavando capiamo che il terreno è un luogo davvero ricco! Troviamo: sassi, radici e soprattutto lombrichi, i quali sono degli animali estremamente importanti per il suolo perché nutrendosi del terreno lo rendono morbido, ricco di nutrienti e permettono la diffusione, il rimescolamento dell'aria, elemento essenziale per la sopravvivenza degli animali che nel suolo trovano una casa.

Troviamo anche gusci, ormai disabitati, di piccole chiocciole...

...foglie, come dite voi "brillantinate"...

...piccole pigne che appartengono ad una pianta chiamata Ontano...

...ed infine, larve di maggiolini, che con cura rimettiamo nel terreno così che possano continuare a crescere...

Nel frattempo, Alessandra ha prelevato dei campioni di suolo. Dovrete portarli a scuola, e come lavoro per la prossima volta dovrete riempirne due vasetti e di un solo vasetto dovrete prendervi cura. In alternativa, un vasetto lo lasciate in classe e l'altro lo mettete fuori all'aperto. Il vostro compito sarà quello di riportare tutte le differenze osservate tra i due vasetti, "cresciuti" in diverse condizioni.

È giunto il momento di misurare la temperatura dell'aria, dell'acqua e della terra. Per questo motivo prendiamo un particolare termometro dotato di un sensore metallico (una punta che rileva la temperatura) e di un display, su cui possiamo leggere la temperatura misurata.
A questo punto misuriamo la temperatura dell'aria, del terreno, inserendo la sonda il sensore nel suolo...

...ed infine dell'acqua...

Ecco qui i risultati:

- Aria: 7°C;

- Terra: 6°C;

- Acqua: circa 4°C.

Siete stati bravi, le temperature ipotizzate precedentemente si sono rivelate vicino a quelle reali. L'unico piccolo errore è che la temperatura dell'aria è in realtà più alta di quella del suolo perché durante il giorno l'aria viene scaldata dal sole. È importante che la temperatura del suolo non sia troppo bassa per permettere la sopravvivenza di quegli animali che vivono nel suolo o che nel terrenno trovano riparo durante il letargo. 

La temperatura dell'ambiente, e quindi dei tre elementi, è una misura molto importante per la conservazione degli organismi sul pianeta. La varizione di temperatura influenza i comportamenti degli organismi viventi, che per adattarsi al cambiamento e sopravvivere, attuano diverse strategie. Per esempio, quando le temperature si abbassano e fa freddo, alcuni animali migrano in aree più calde, mentre altri vanno in letargo.

Prima di salutarci vi lasciamo un ultimissimo compito per la prossima volta: dovrete creare una mappa di parole, questa volta attorno alla parola ALBERO. Per farlo dovrete utilizzare anche le parole che avete scritto oggi, in merito ai tre elementi.
La nostra attività è giunta al termine. Grazie del tempo passato insieme, speriamo che vi siate divertiti!
Per noi, voi oggi siete l'ultima classe dell'anno 2019! Buon inverno a tutti e buone vacanze! Alessandra vi aspetterà in primavera a braccia aperte pronta per una nuova avventura!


P.S. Sulla strada del ritorno notiamo che il nostro amico Airone è volato via... Non era per niente finto!
Ciao amici! Un grande saluto dal parco nord!

 

Visite: 267