Stampa

sensi

Il cielo è azzurro e il sole tiepido...si sta bene al Parco in inverno! Con Alessandra andiamo a prendere gli amici di oggi: le due classi prime della scuola Rovani. 
Sono puntualissime e le troviamo ad attenderci all'ingresso del Parco vicino alle scuole. Dopo un breve saluto ci incamminiamo...

...per raggiungere i grandi prati sul retro della scuola. Qui, in cerchio ci presentiamo e cerchiamo di capire cosa è un Parco. Capiamo che è un posto molto verde, con alberi, erba, dove noi possiamo andare a fare delle passeggiate, possiamo giocare, rilassarci...Giusto, ma il Parco è prima di tutto la casa della Natura: delle piante e degli animali. Oggi, noi, saremo loro ospiti, quindi, mi raccomando, cerchiamo di comportarci bene! 
Volete sapere cosa siamo venuti a fare oggi? Oggi, miei cari amici, saremo esploratori. Ma, degli esploratori speciali: non useremo binocolo, lente oaltri strumenti artificiali...useremo..."Le orecchie!" mi dite  "Il naso!" Ma non solo, anche le mani e gli occhi! Insomma, esploreremo usando i 5 sensi! Pronti?
Per prima cosa dovremo aguzzare la vista: quali tesori riuscite a scovare nel prato? Potete provare ad avvicinare le mani agli occhi, saranno i vostri binocoli che vi aiuteranno della ricerca! 

Scovate...del ghiaccio sull'erba: è la brina non ancora sciolta...

...è una scoperta che entusiasma molti di voi...

...trovate delle foglie rosse...

...delle bacche rosse su rami spinosi...

...il resto di un pasto: qui qualcuno ha fatto la scorpacciata di melograno!

Ma anche: un mazzo di foglie verdi, delle foglie lunghe con dei peli bianchi messi in fila, una buca, un legno storto, la casetta di un uccellino, un fiore bianco molto morbido che se lo si guarda da vicino è composto da tantissimi semi, ognuno dotato di un piccolo paracadute, dei sassi a forma di caramella, un piccolo fiore giallo, un piccole fiore rosso e un cespuglio con il tronco viola.
Bene! Ottimo, cari esploratori, è giunto il momento di entrare nel bosco: shhhhhh...tendiamo le orecchie...
E udiamo il gracchiare di una cornacchia, il rumore di un elicottero, il cinguettio di un merlo, il vociare dell'altra classe, le grida della maestra dell'altra classe...e...eccolo! Il picchio ci saluta con la sua inconfondibile risata!
Ma, cosa è questa strana terra fatta a palline? - chiede qualcuno.

Proviamo ad annusarla e ha l'odore del bosco e della terra bagnata... Bè, amici, questa è una terra speciale: ricca di sostanze che fanno crescere bene le piante. E' humus. E sapete chi ha il compito di rivoltarlo e mischiarlo? I lombrichi. Loro mangiano gli esseri viventi morti del bosco e li mischiano alla terra e questa è la loro cacca! Le maestre ridono perchè lanciate disgustati la terra dopo tale scoperta.
Ora, è il momento di usare il tatto. Ma non useremo quello delle mani, ma bensì quello delle guance. Ognuno di voi sceglierà un albero, lo saluterà, si presenterà e dopo averlo abbracciato, dovrà appoggiare la faccia sulla sua corteccia: che sensazione provate?

Mi dite che ci sono alberi lisci, alberi ruvidi, alberi morbidi, alberi duri, alberi bagnati ed altri solo umidi...c'è anche quello che punge!
Purtroppo il tempo è quasi finito, quindi, prima di andare, raccoglieremo da terra rametti di forme strane, un po' di terriccio, foglie diverse e semi. Questi ultimi li metteremo in un contenitore a forma di seme.
Ecco il risultato della vostra raccolta.

Questo materiale lo porterete in classe e dovrete:
- osservarlo, toccarlo, annusarlo: quale puzza di più? quale è il più molle? 
- sceglliere un oggetto e pensare a cosa può assomigliare e disegnarlo. Cosa vi ricorda un rametto? E una foglia? E un cappello di ghianda?
- decorare il contenitore dei semi e metterci dentro dei disegni di quello che vorreste nel parco per migliorare la vita degli animali. Magari uno dei vostri progetti riusciremo a realizzarli!
Prima di salutarvi, però, vi farò dono del distintivo degli esploratori del parco...

...con questo potrete andare alla ricerca di tutti i tesori nascosti! Alla prossima e buon inverno!

Visite: 187